Settore – 4E

Rieti, Monti Reatini,Terminillo, Alta Valle del Velino, Monte Giano, Monte Calvo, Monti del Cicolano (vedi Figura 6)
Dal ponte Cavallotti a Rieti, confine con il limite del Settore 2E, il confine del Settore 4E segue, nella direzione O – NO, l’alveo del fiume Velino che traversa la piana reatina fino ad incontrare, nell’ansa fluviale in prossimità di C. Terscozio, il limite del Settore 5E che si immette nel fiume Velino.
Il Settore 4E dall’alveo del Velino percorre via Cese fino all’incrocio con la SS79 Ternana che segue, in direzione SE, per il tratto che conduce a località C. Biancini dove passa a percorrere la via dei Laghi fino ad incrociare a C.ne Torretta via Garibaldi che segue, in direzione NE, superando il Fosso di Valle Tribolata, la località di S. Margherita fino a giungere a Ponte Capo d’Acqua, superato il quale incrocia sulla sx, prima di arrivare alla località Fantauzzi, via Gramsci percorrendo la quale in direzione N, passate le località “lo Spaccetto” (494m) e C. Marcetelli (510m), arriva attraverso la strada Loc. Villa Bravi a Borgo S. Pietro.
Il limite del Settore 4E prosegue in direzione SO sulla strada di Borgo Provaroni fino all’incrocio a dx con la via Tostoni che percorre in direzione NO transitando per C. Vicenna per arrivare in prossimità di Case S. Susanna dove prende, in direzione SO, via S. Susanna SP3 transitando per la località “l’Ospizio”. Giunto in prossimità di C. Quercetti abbandona la SP3 e, con svolta a dx, percorre la SS79 Ternana, direzione NO, fino a “la Spera”. Da questo punto il Settore 4E, ricalcando il limite del Settore 5E, trova il suo confine nel limite comunale di Morro Reatino, confine occidentale del territorio del comune di Rivodutri, risalendo il Fosso Filundici, il Colle Copparotto, sempre in direzione N – NE, la vetta del M. Pùzzari, oltrepassata la quale, intersecata la SS521, piega a NO per saldarsi al limite regionale.

In direzione E – NE il confine del Settore 4E percorre il limite regionale fino a lambire la vetta del M.Pozzoni e tra Forca di M. Piano e Forca S.Leonardo incrocia il limite del Settore 3E, che diviene comune a quello del Settore 4E, abbandonando il confine regionale Lazio – Umbria e rientrando in direzione S – SO.
Lasciato il confine regionale, in direzione S, il limite segue la traccia di sentiero che, aggirate le pendici di M. Prato, prosegue con il n. 474 (Cittareale – M. Prato) transitando per il rifugio Aleggia, per scendere in direzione E uscendo sulla SP17, all’altezza del km 4, e entrare dalla Rocca nell’abitato di Cittareale che traversa; uscendo dallo stesso percorre la SP17 per circa 3 km in direzione S fino a raggiungere la SS4 Salaria. Traversata la Salaria, dallo svincolo segue il fosso che, in direzione E, intercetta in uscita dall’abitato di Marianitto il sentiero n. 477 (Marianitto – Verrico) che, nel suo tracciato in direzione SE, diviene contemporaneamente limite del Settore 4E e del Settore 3E fino ad incrociare il limite regionale Lazio – Abruzzo nelle vicinanze di Fonte Cupello.
Da questo punto il limite del Settore 4E torna a percorrere il confine regionale Lazio – Abruzzo, in direzione SO – S incrociando sotto la vetta del M. Cabbia la traccia del sentiero n. 468 (Santa Maria del Monte – Monte Cabbia); riscende in direzione alternata SO – SE – SO, poi continua in direzione SE tra Colle delle Salere e La Montagnola, quindi interseca il sentiero n. 459 (Piano di Cascina – Monte Giano); quindi passando tra Fonni di Cinno e Valle dei Ladri taglia il sentiero n. 460 (Castello di Corno – Cinno) in prossimità del bivacco di vetta. Il limite del Settore 4E prosegue sul crinale in direzione SE fino a passare per la vetta del M. Caola scendendo dalla quale attraversa il sentiero n. 458A (Valle Lunga – Colle di Mezzo), quindi interseca a quota 1823m l’incrocio di questo sentiero con il n. 453 (Rocca di Corno – Monte Nuria) e, con andamento rettilineo SO, scende fino alla SS17, in località Casale S. Giuliano in prossimità di Sella di Corno. Oltrepassata la SS17, proseguendo con andamento rettilineo, risale l’incisione tra Pianate di Fabriccio e Macchie di Lumano per giungere alla Forcella di Rascino, dove interseca il sentiero n. 456 (Sella di Corno – Monte Nuria) e piegando ortogonalmente a SE percorre il crinale fino a Colle Cuccule dove si incrocia con il limite del Settore 1E.
Da Colle Cuccule il confine del Settore 4E è comune con quello del Settore 1E, costituito dal confine comunale di Borgorose; risale in direzione SE – S fino ad arrivare in vetta al M. Fratta, quindi utilizzando sempre il limite comunale di Borgorose piega a O e entra nell’alveo del fiume Salto, punto dove si stacca dal confine del Settore 1E e prosegue, in direzione NO, utilizzando sempre l’alveo del Salto. Quindi, entrato nel lago del Salto e dopo esserne riuscito per una minima porzione sulla sponda meridionale, seguendo il confine comunale di Petrella Salto, rientra nella mezzeria del lago, direzione N – NO, fino a giungere alla diga, località S. Lucia, dove incontra il limite meridionale del Settore 2E.
Dalla diga percorre la SP67 per Borgo San Pietro in direzione NE fino al ponte di Cerreta, dove risale la traccia nel Fosso Collelungo, arrivando all’abitato di Cerreta. Da qui, direzione N, su strada asfaltata arriva a intersecare con un sovrappasso la SR578 Salto – Cicolana; il limite si sovrappone alla stessa SR578, in direzione Rieti, e giunto allo svincolo per Capradosso – Petrella Salto segue il raccordo che porta all’innesto su questa strada in località Casali S. Maria; oltrepassa la località Casali S. Maria, supera l’abitato di Capradosso, giungendo in direzione N in corrispondenza del km10 della SP22 all’imbocco di una sterrata sulla dx. Il limite del Settore risale la sterrata e prende l’allineamento del confine tra i comuni di Cittaducale e Petrella Salto, passando per la vetta del M. Serra Secca; procede in direzione NE per poi curvare a NO, collimando a quota 1302m con altri limiti comunali (Borgovelino, Castel Sant’Angelo); discende in direzione NE, percorrendo sempre il confine comunale Borgovelino – Castel Sant’Angelo in direzione NO, giungendo sulla SS4 Salaria (km 107) all’altezza del ponte Santa Margherita a Borgovelino.
Il limite percorre la SS4 in direzione Rieti, supera l’abitato di Canetra e giunge a Vasche dove arriva al ponte sul Velino. Il limite del Settore 4E prosegue nell’alveo del Velino fino ad incontrare la SP22 Cittaducale – Fiamignano che percorre a dx del ponte, località Villaggio Cotilia, per arrivare sulla SS4 Salaria, poco dopo la progressiva del km 99; riprende il tracciato della Salaria, direzione Rieti, fino ad arrivare in città a Porta d’Arci e chiudere il perimetro sul ponte Cavallotti.